102chilisullanimaNon si tratta di un libro strettamente legato alla dieta, non ci sono ricette miracolose e nemmeno una lista di esercizi da fare. Però se leggete 102 chili sull’anima di Francesca Sanzo e dovete perdere peso dimagrirete. O per lo meno farete il primo passo per dimagrire. Non solo. Se non avete, beati voi, bisogno di dimagrire ma dovete comunque effettuare un bel cambiamento (“in” o “out” anche “in” e “out” che sia) lo farete dopo aver letto il libro.

Ve lo dice una che il libro l’ha letto ed iniziato con un certo scetticismo (ecco un altro libro sul prima e dopo la dieta mi sono detta) per poi innamorarsi perdutamente di questa storia, per desiderare di avere Francesca Sanzo come amica (abitassi a Bologna giuro le chiederei di prendere un caffè insieme), per trovare in questa storia LO sprono LO stimolo per cambiare (perché pur non dovendo perdere chili, ho comunque i miei chili sull’anima pure io anche se non sotto forma di grasso in eccesso).

102 chili sull’anima è scritto benissimo, Francesca utilizza un linguaggio scorrevole, bello, piacevole, si vede che è una blogger navigata, si vede che ama scrivere; il suo libro in un certo senso la mette a nudo, la racconta. Non si tratta solo del suo percorso di dimagrimento quanto piuttosto al perché abbia avuto necessità di intraprenderlo (al di là di dover perdere peso ovviamente). Francesca si confessa in questa storia, si confida, si espone, si mette in gioco, e lo fa con una sincerità e con un’umiltà disarmanti, a tratti commoventi.

Strato dopo strato Francesca si spoglia di “quei chili in eccesso” e resta con la sua anima che in realtà si vedeva anche prima ma che troppo spesso era offuscata dalla sua parte nera. Una parte,quella nera, che alla fine della storia c’è sempre (per fortuna direi) ma con la quale Francesca ha fatto i conti per poi imparare a conviverci serenamente.

Io mi sono ritrovata in questo libro, credo che ognuno di noi possa ritrovarcisi, ognuno di noi ha punti in comune con Francesca, ognuno di noi ha necessità di cambiare qualcosa nella sua vita, piccolo o grande che sia, ognuno di noi ha la sua anima nera che ci spinge a fare la cosa sbagliata, quella più comoda, che ci spinge a restare fermi a non cambiare quello che dovremmo cambiare, a pensare “ma cosa ci provo a fare tanto non posso riuscire“, ognuno di noi ha necessità di amarsi di più (e questo libro ci insegna in modo sublime, ossia con il buon esempio, come lo si può fare), ognuno di noi ha i suoi chili sull’anima, ma questi “chili” possono diventare leggeri come piume se lo si vuole. E non è mai troppo tardi perché il cambiamento avvenga.