regali

Per molte studentesse, maturande e laureande in tutto il mondo i ritocchini con il bisturi e le iniezioni di acido ialuronico alle labbra per aumentarne il volume pare abbiano soppiantato viaggi all’estero, abiti griffati e costosi accessori hi-tech come regalo di maturità e di laurea.

Nell’Estremo Oriente si sta delineando una vera e propria ossessione per gli interventi di blefaroplastica per occidentalizzare i lineamenti del viso e, soprattutto, ritocchi estetici alle palpebre per modificare il taglio degli occhi. Si tratta di un fenomeno che riguarda principalmente Cina, Giappone e Corea del Sud, dove la città di Seul è ormai diventata la mecca della chirurgia plastica asiatica low cost. La blefaroplastica è il ritocchino più richiesto e diffuso tra le giovani studentesse di origine asiatica.

In misura sicuramente minore rispetto all’Estremo Oriente, dove la domanda di interventi di chirurgia estetica è talmente alta da aver portato alla proliferazione di cliniche di chirurgia plastica low cost, anche in Italia pare che maturande e laureande siano sempre meno attratte da gioielli costosi e vacanze a Sharm el-Sheikh come regalo per il conseguimento del diploma o della laurea, e richiedano sempre più spesso interventi di chirurgia plastica, per pura vanità.

Se un tempo si trattava principalmente di interventi di rinoplastica, oggi le studentesse italiane chiedono soprattutto di ingrandire il seno, vogliono le labbra di Belén Rodríguez, il lato B di Melissa Satta ed il naso di Kate Middleton. Molto richieste sono anche la genioplastica, l’otoplastica e la liposuzione non solo a cosce e glutei, ma anche a polpacci, ginocchia e caviglie. Sempre più richiesta è anche la vaginoplastica, un’operazione che ha come obiettivo il rimodellamento dei genitali femminili esterni.

Fortunatamente in Italia al momento non sono ancora concessi gli interventi di chirurgia plastica a soggetti che non abbiano compiuto i 18 anni d’età, a meno che non ci sia l’autorizzazione dei genitori. Ma quasi sempre, a ben vedere, il permesso dei familiari c’è, e spesso sono proprio i genitori ad incoraggiare le figlie a migliorare il proprio aspetto ricorrendo ad interventi di chirurgia plastica. Sempre più genitori decidono spontaneamente di ricompensare l’impegno delle figlie nello studio con un restyling dell’immagine.

Sarebbe opportuno che genitori e studentesse si rendessero conto che i ritocchini con il bisturi sono delle operazioni chirurgiche a tutti gli effetti, anche se sembra che ormai vengano considerati alla stregua di beni di consumo, complice anche il fatto che i costi siano diventati di gran lunga più accessibili anche solo rispetto a qualche anno fa.

Ricompensare l’impegno nello studio con la chirurgia plastica come regalo di laurea è estremamente diseducativo e dannoso. I genitori, innanzitutto, dovrebbero rendersene conto e tornare ad orientarsi sui regali tradizionali per omaggiare le proprie figli per il conseguimento del diploma e della laurea. Tra regali classici e più originali, la scelta di certo non manca.

Per dare il proprio contributo per rendere unica la giornata di chi ha raggiunto l’importante traguardo della laurea, fate un regalo che, oltre ad esprimere il vostro affetto, sia di buon augurio per un futuro professionale di successo. Una borsa ventiquattrore da lavoro è un regalo che dura nel tempo, così come una penna stilografica ed un set da scrivania, regali classici, rassicuranti ed intramontabili per omaggiare una persona cara nel giorno della discussione della tesi di laurea. Sì anche ai device elettronici, come fotocamere, PC portatili, smartphone, tablet e lettori mp3, ed accessori tecnologici da collegare agli stessi, come, ad esempio, caricabatteria ad energia solare, pen drive dalle forme bizzarre o scanner portatili.

In alternativa, potete orientarvi verso soluzioni più originali e valutare l’idea di omaggiare la laureanda con un coupon per un soggiorno in una beauty farm, un weekend in una capitale europea, una degustazione di prodotti tipici o un’esperienza carica di adrenalina, come un salto nel vuoto con il bungee jumping, una sessione di soft-air o una lezione di Parkour.

Ottimi spunti per chi non ha a disposizione un budget particolarmente alto possono essere anche un portapenne dalla forma insolita, un ritratto su tela della neodottoressa in stile pop art o una tazza, un mousepad o un cuscino personalizzabile con foto. Ad una laurea sono immancabili i fiori.

Stanno prendendo piede anche i regali solidali da fare in occasione di una laurea, come donazioni a scuole del Sud del Mondo ed adozioni a distanza. Se la neodottoressa ama gli animali, un’idea regalo altrettanto ricca di significato può essere una donazione ad un canile o ad un rifugio per animali maltrattati.

Una buona idea è anche quella di acquistare una ghirlanda d’alloro con cui incoronare la neodottoressa dopo la discussione della tesi di laurea. L’incoronazione con la coroncina d’alloro è diventata un simpatico rituale che non può certo mancare dopo la tanto attesa proclamazione.

Sul web le idee per regali originali non mancano. Vi consigliamo, a tal proposito, di consultare il sito regali.it.