cosa bere in gravidanza

In gravidanza devi bere tanta acqua, questo lo sai già. E’ importante infatti che mantieni il corpo ben idratato e inoltre è fondamentale per il feto, perché l’acqua aiuta a mantenere le giuste quantità di liquido amniotico, cioè dove è immerso il tuo bambino. Non è ammesso invece l’alcol, il quale può provocare danni al feto e inoltre contribuisce a disidratare il corpo. Per quanto riguarda il caffè, le tisane e i succhi ci sono alcune regole da rispettare

Quanta acqua bere in gravidanza?

In gravidanza devi bere tanta acqua. Gli esperti suggeriscono circa due litri al giorno. Non è necessario invece che bevi 4 litri al giorno, come delle volte si può leggere sul web. Di base dovresti bere quando hai sete, però se ti accorgi di non avere lo stimolo di farlo, dovresti comunque cercare di assumere le giuste quantità per evitare uno stato di disidratazione.

L’acqua serve infatti ad aumentare il volume del sangue, il quale aiuta il tuo bambino a crescere. Inoltre permette di mantenere buona la vascolarizzazione della placenta. Bere tanta acqua inoltre stimola a fare più pipì, un fatto positivo perché come spiegano i medici, questo diminuisce il rischio delle infezioni perché mantiene le vie urinarie pulite. Idratare bene il corpo poi aiuta a prevenire alcuni problemi che possono rivelarsi particolarmente molesti durante la gestazione, tra questi troviamo la stitichezza e le emorroidi.

Quale acqua bere in gravidanza?

In linea generale non ci sono acque concesse e acque vietate. Almeno che non sia il medico a consigliarti una marca specifica nel caso soffri di alcune patologie.

L’acqua del rubinetto la puoi bere, però assicurati che sia totalmente potabile. Inoltre non dovresti utilizzare i filtri che rimuovono dall’acqua alcuni sali minerali importanti per la tua salute e quella del bambino, come il calcio e il magnesio.

Gli esperti spesso suggeriscono di acquistare acque minerali ricche di minerali, perché idratano bene il corpo e lo mineralizzano, aiutando anche a prevenire problemi quali la stitichezza e la cattiva digestione. I benefici di bere tanta acqua in gravidanza come vedi sono molti. Vediamo però alcuni casi specifici, se alcuni tipi di acqua sono ammessi o no.

  • Acqua frizzante: l’acqua frizzante in gravidanza non è controindicata, almeno che non vedi insorgere alcuni problemi di digestione, l’aumento dei succhi gastrici, oppure ti noti particolarmente gonfia. Di solito comunque aiuta la digestione, perciò potresti optare per esempio di berne uno o due bicchieri al giorno, favorendo per il resto l’acqua naturale.
  • Acqua essenziale: l’acqua Fonte Essenziale secondo gli esperti è ottima per regolarizzare la digestione, soprattutto durante gli ultimi mesi.
  • Acqua e limone: sì, la puoi bere. Anzi, ha diversi effetti benefici. Ti aiuta a pulire i reni, ad assorbire meglio il ferro, a far circolare bene il sangue e ad alleviare i bruciori di stomaco. Inoltre combatte la stitichezza.
  • Acqua e bicarbonato: senza esagerare lo puoi bere, offre anzi diversi effetti benefici. Per esempio allevia il bruciore e il dolore di stomaco e combatte problemi quali il reflusso gastroesofageo e la cattiva digestione.
  • Acqua fredda: cerca di non bere l’acqua fredda di frigo, la quale può causare congestioni. Molto meglio bere l’acqua a temperatura ambiente.

Cosa non si può bere in gravidanza

Bibite gassate

Le bibite gassate come la Coca Cola, la Fanta, la Red Bull etc. possono essere bevute ma con estrema moderazione, meno di una lattina al giorno. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ci ricorda che l’ideale per un adulto è consumare 25 grammi di zuccheri al giorno e una sola lattina ne contiene tra i 35 e i 40 al giorno. Una piccola quantità però in gravidanza può essere utile, come nel caso della Coca Cola, per contrastare la nausea.

Alcolici

Gli alcolici sono proibiti in gravidanza. Lo stesso vale per i superalcolici. Ingerire grandi quantità di alcol può causare danni seri durante lo sviluppo fetale. Ciò che ancora non è ben chiaro se vi è una quantità minima che può essere assunta senza conseguenze. Il problema è che spesso non si considera che ogni donna metabolizza differentemente l’alcol. Alcuni nell’incertezza arrivano anche a sconsigliare la birra analcolica, la quale comunque contiene pur sempre una percentuale minima di alcol. La birra comunque è sempre vietata, mentre alcuni esperti dicono che mezzo bicchiere di vino di tanto in tanto non comporta rischi.

Caffè

Non sono ancora ben chiare le indicazioni a riguardo. In via precauzionale si consiglia di non bere molto caffè perché secondo alcuni studi potrebbe aumentare il rischio di aborto oltre problemi nella crescita fetale. In genere le autorità mediche consigliano di non superare tre tazzine di caffè al giorno. Lo stesso vale per il cappuccino.

Tè verde

Valgono le stesse regole del caffè. Non più di tre tazze al giorno per via della caffeina contenuta al suo interno.

Tisane

Le tisane in linea generale sono consentite ma sempre un uso moderato, non più di una o due tazze al giorno. Si per esempio alla camomilla, lo zenzero, la melissa, la menta etc. Una tisana di zenzero per esempio è considerata un ottimo rimedio naturale contro la nausea.

Succhi di frutta

I succhi di frutta composti al 100% di frutta sono ammessi, però è bene non eccedere perché ugualmente contengono zuccheri naturali. Quelli invece tradizionali del supermercato sono da evitare come qualsiasi altra bevanda zuccherata. Vale un po’ per tutti i succhi, come la spremuta d’arancia, il succo di mirtillo, il succo di pompelmo, di melograno etc.

Ginseng

Se ami il ginseng puoi berlo, ma non più di una o due tazze al giorno e possibilmente una volta che hai superato il terzo mese di gravidanza. In questo modo eviti possibili complicazioni per te e il tuo bambino.