Durante questi nove mesi, ed al fine di controllare il buon andamento della tua gravdanza, il ginecologo ti consiglierà, se necessario, di sottoporti ad alcune analisi, prove ed ecografie.

superstock_1527r-114501110-13 SETTIMANE
Prelievo dei Villi Coriali (Villocentesi)
Chiamata anche biopsia del corion o dei villi coriali, è un test con il quale si può avere un risultato finale definitivo. Diagnostica la Sindrome di Down e altri difetti cromosomici, alcune malattie ereditarie e anche errori innati del metabolismo che non possono trovarsi nei cariotipi.
IN CHE MODO: Utilizzando un ago sottilissimo, si estrae un campione del tessuto trofoblastico (precursore della placenta) e si analizza. Non è una prova di routin, viene effettuata solo se la futura mamma presenta di fattori di rischio: precedenti familiari o anomalie riscontrate in test precedenti. Comporta un rischio di aborto che va, a seconda di varie casistiche, dal 1-1,5 all’8-10% che deve essere ben valutato con il proprio medico curante.
DISPONIBILITA’: In tutti in centri specializzati
RISULTATI: Sono definitivi. Per sapere se il bambino è affetto da qualcuno dei principali problemi cromosomici, bisogna attendere i risultati disponibili generalmente già il giorno seguente. Per particolari anomalie cromosomiche, bisogna aspettare invece dalle due alle tre settimane.

12-14 SETTIMANA
Translucenza Nucale
Questo test di screening stima il rischio da Sindrome di Down, basandosi sulla misurazione dello spessore della plica nucale del bambino. Se il tessuto è molto spesso, c’è il pericolo di anomalie genetiche, come la Sindrome di Down, o di Turner.
IN CHE MODO: Attraverso un’ecografia ad alta risoluzione.
DISPONIBILITA’: In centri pubblici e privati con apparecchiature per ecografie ad alta risoluzione.
RISULTATI: Sono immediati. Il rischio si presenta sotto forma di statistica. Generalmentesi parla di probabilità che il bambino possa avere problemi.
Se il rischio è maggiore di 1 su 250, viene considerato alto ed esiste la possibilità di optare per altri test come l’amniocentesi.

13-22 SETTIMANE
Esami del sangue per il rischio genetico
Sono test di screening che permettono di verificare il rischio di anomalie, come la Sindrome di Down e i difetti del tubo neurale, come la spina bifida.
COME: Mediante analisi del sangue.
DISPONIBILITA’: In base ai centri.
RISULTATI: Tra i sette e i dieci giorni; si presentano sotto forma di statistiche di presunto rischio di anomalie.

15 SETTIMANE
Tri-Test Screening
Conosciuto anche come la determinazione dell’indice di rischio fetale per Sindrome di Down e difetti aperti del tubo neurale. Cmtempla 3 parametri e da questo il suo nome: estriolo non coniugato (estriolo free), alfafetoproteina e l’ormone BETA-HCG (frazione beta dell’ormone gonadotropico corionico).
COME: Mediante un’analisi del sangue.
DISPONIBILITA’: in centri specializzati
RISULTATI: Il test offre una valutazione delle probabilità che il bambino possa essere malato, ma non è un’analisi di certezza assoluta. In funzione all’indice di rischio calcolato, si consiglia o meno la realizzazione di altre prove. I risultati sono disponibili dopo due o tre settimane.

16-18 SETTIMANE
ESAME 1

Amniocentesi
Il test usato più comunemente per diagnosticare la Sindrome di Down e altri problemi cromosomici. Di solito ci si sottopone se sono state riscontrate anomalie negli esami precedenti (se le prove dei tracciati biochimici come l’alfafetoproteina o la BETA-HCG danno alto indice di rischio), se ci sono precedenti familiari o se la madre ha più di 35 anni.
COME: Simile alla biopsia coriale, con la differenza che si estrae il liquido amniotico. Il prelievo viene eseguito con un ago nella parete addominale, sotto stretto e continuo controllo ecografico.
Comporta un rischio approssimativo dello 0,5% di aborto che deve essere ben valutato con il proprio medico curante.
DISPONIBILITA’: Nella maggior parte degli ospedali e cliniche specializzate.
RISULTATI: Tra le 2 e le 3 settimane.

ESAME 2
Alfafetoproteina
E’ il dosaggio di una proteina nel sangue. Un basso livello può suggerire il rischio di Sindrome di Down e un alto livello il rischio di difetti del tubo neurale, come la spina bifida, o la possibilità di gravidanza multipla.
COME: Mediante analisi del sangue, accompagnate ad un’ecografia del tubo neurale per verificare se è chiuso.
DISPONIBILITA’: Nella maggior parte degli ospedali e cliniche specializzate.
RISULTATI: Tra le due e le tre settimane.

18 SETTIMANE
Furicolocentesi
Chiamata anche cordocentesi. E’ un test poco usato, per il suo rischio di aborto, e serve ad individuare ploblemi quali anemie ed infezioni come la toxoplasmosi. E’ un test a cui ci si sottopone solo in caso di assoluta necessità.
COME: Allo stesso modo dell’amniocentesi, solo che il campione di sangue si preleva da un vaso ombelicale.
DISPONIBILITA’: Nei centri specializzati.
RISULTATI: In una settimana.