Appena date alla luce vostro figlio è sotto posto a una serie di continui controlli per appurare le sue condizioni di salute generali. Queste valutazioni riguardano; prima di tutto il colorito della pelle se è roseo o scuro, se le sue dita delle mani e dei piedini sono cianotiche o se è tutto il bimbo bluastro. Poi si continua ad valutare le pulsazioni cardiache, la reazione  allo stimolazione del pianto ( se piange, se fa smorfie o se non reagisce affatto ).Si continua con il tono dei muscoli (se le braccia e le gambine si muovono con energia, se sono flesse o se invece sono immobili, o molli d deboli. La respirazione è un’altra tappa importante si osserva se buona, o in caso contrario debole irregolare o addirittura assente. Tutte valutazioni per noi mamme, ma principalmente per il bambino sono molto importanti, qui il piccolo ottiene un punteggio APGAR di 2, 1 o 0.  Il punteggio buono dopo i primi 10 minuti di vita è un totale di 7 punti, ma invece se vi è un neonato che arriva ad un totale di 4 punti, dopo i primi attimi di vita, vuol dire che un attimino di aiuto.

Testa e viso

Alla  nascita la testa del bambino può risultare un poco deforme. Generalmente le guance sono tonde, il nasino schiacciato, il mento sfuggente. Il bimbo può mostrare segni di vivacità con i suoi occhioni spalancati, oppure che li apre ad intervalli.

La pelle.

La cute può mostrare ancora dei segni bianchi e cremosi, questa è l’ha protetta che durante tutto il periodo della gravidanza, ha protetto il feto, oppure la carnagione del bambino si può presentare coperta da una tenue peluria. Può accadere in altri bebè, invece che possiamo scoprire una pelle morbida, altri che posseggano una cute dura, altri invece che nascono con l’epidermide rugosa, e altri ancora sono coperti con delle macchie. Comunque una cosa è sicura per tutti i neonati, che nei primi giorni di vita, la loro pelle si presenta secca e si desquama.

Mani e piedi.

Dopo la nascita possono restare violacei per diverse ore dopo la nascita, ma quando la respirazione e la circolazione si regolano, diventano di colore normale.

Cuoio capelluto.

Quando il bebè nasce calvo o  con la testa colma di capelli sottilissimi di colore scuro, che poi piano piano nei mesi successivi cadranno. Sulla vertice della testina possiamo trovare la fontanella “ la zona molle al centro del cranio in cui le ossa non si sono ancora saldate” e sotto di questa si può notare una pulsazione.

Cordone ombelicale.

Il funicolo è legato ed tagliato. In genere il frammento restante cade nel giro di una settimana quindici giorni, dopo averne avuto cura con diverse applicazioni mediche.

Genitali.

Sia per i maschietti sia nelle femminucce i genitali sono gonfi e deformi rispetto al resto del corpo.

Riflessi.

Il riflesso  una riscontro inconscio a un particolare stimolo: quelli caratteristici del neonato sono attaccarsi e ciucciare. I principali riflessi del bambino sono controllati subito in clinica o in ospedale, e quasi tutti svaniscono prima che il piccolo abbia compiuto sei mesi di vita.

“Passi”

Se, in posizione eretta, fate posare i piedini del piccolo, su una superfice piana e dura, il neonato solleverà prima un piede e poi  l’altro come se volesse camminare.

Pressione.

Il bambino chiude molti forte le sue manine quando qualcosa, gli tocca il palmo, lo stesso comportamento lo farà con i piedini se gli sarà toccata la pianta del piedino.

Trasalimento.

Chiamato anche riflesso di Moro. Questa è una reazione del neonato a un qualsiasi rumore improvviso, a uno spavento, a uno squillo di telefono ecc. Il bambino alzerà le braccia come se cercasse qualcosa cui aggrapparsi.