Vi è mai capitato di aggirarvi spaesate per un museo di arte moderna, osservare le opere con le relative spiegazioni e titoli, annuire ammirate, e andare via con la sensazione di aver appena sfiorato un mondo affascinante, ma a voi del tutto incomprensibile?

E vi è capitato, invece, durante un servizio televisivo su una sfilata di alta moda, di adocchiare delle vere e proprie meraviglie che vi hanno lasciato a bocca aperta e senza fiato? Se siete appassionate di moda, certamente sì!

Se poi avete avuto la fortuna di assistere a uno di questi spettacoli dal bordo della passerella, avrete sicuramente provato una meraviglia e uno stupore indescrivibili.

Geometrie inconcepibili, che superano le forme naturali del corpo e lo lanciano oltre la tridimensionalità, lasciandoci immaginare una quarta  e una quinta dimensione. Forme che non esistono in natura, che abbracciano e trasfigurano il corpo. Colori a volte sgargianti e a volte di un cupo profondo, riflessi, giochi di luci che non appartengono certamente ai tessuti degli abiti che indossiamo ogni giorno. Accostamenti audaci, sbalorditivi, a volte semplicemente “assurdi”, che però danno vita a un meraviglioso insieme.

Ci sono modelle che sembrano veri e propri quadri o statue viventi: alcune sono immagini della primavera, altre sono il ritratto vivente della passione, altre ancora l’incarnazione del mistero e del sogno. Donna-sirena, donna-foresta, donna-nuvola: non c’è limite alle possibilità di trasformazione.

Naturalmente l’opera non appartiene solo agli stilisti: parrucchieri, make up artists, coreografi, tecnici luci ed altri professionisti collaborano per realizzare le meraviglie visive che ammiriamo sulle modelle. Il trucco dipinge creature inesistenti, esseri del futuro o del passato, crea espressività di altrove. I capelli sfidano la forza di gravità e i colori della natura, si armonizzano con le linee e le tonalità degli abiti come farebbero dei veri e propri accessori.

Quante volte, nella vita di tutti i giorni, abbiamo la possibilità di osservare simili “oggetti” straordinari? Quanto spesso ci capita di guardarci intorno e di restare sinceramente stupiti, ammaliati, sbalorditi da qualcosa?

Purtroppo, tutto questo accade molto raramente, o addirittura mai. Invece la passerella di un grande stilista può essere una fonte inesauribile di meraviglia. E allora come si fa a non includere la moda nella cerchia delle arti “nobili”? La moda è l’arte della modernità, dove l’essere bambini e stravaganti non è un difetto da correggere ma è la linfa vitale per liberare la nostra mente.