Come tutte le mattine, mi alzo presto, accendo il pc e preparo il caffè, poi mentre lo sorseggio, presa da una voglia di soffrire intensa, mi accingo a leggere un paio di quotidiani on line…

Si sa, l’informazione è basilare, il mondo va avanti anche senza di noi, quindi, a meno di non volersi trasferire su un isolotto deserto (desiderio che mi porterò fino alla tomba) occorre restare informati.

Una notizia che potremo definire un “gossip”, ma non lo è, mi ha colpita e fatto pensare…in un paese allo sbaraglio, dove forze politiche, sindacati e nuovo governo si stanno dando da fare per rimettere in sesto le cose, alcune situazioni non cambiano mai, i personaggi “scomodi” sono tali e quindi sono puniti!

Parlo del grande Adriano Celentano, vero è che quando parte per la tangente non lo ferma nessuno, però ha la capacità di dire senza mezze misure ciò che pensa, in faccia a tutti, potenti e meno…

Succede, che, incalzato da amici e dalla moglie Claudia Mori, decida di dare due concerti nella splendida città di Verona, ma un artista di quel calibro e che manca da tanti anni dai palchi live, sa che con due serate non risolve nulla, saranno pochi i privilegiati che potranno assistere al concerto e non è giusto nei confronti dei migliaia di fans di tutte le età che ha.

Perciò, sì, farà i concerti, ma, solo se saranno trasmessi in tv in diretta in modo che chi vuole possa ascoltarlo.

Naturalmente, la preferenza passa alla tv di stato, la quale contattata, inizialmente si mostra entusiasta, riservandosi di dare conferma entro pochi giorni.

Di giorni ne passano otto e alla fine è Claudia che richiama, per sentirsi dire che la RAI non dispone di risorse economiche per spostare qualche telecamera e mandarla a Verona, anche perché Celentano non vuole un solo euro di diritti, desidera solo che il suo pubblico possa ascoltarlo!

Immaginate la delusione… I vertici dell’azienda sono cambiati ma l’artista è ancora in “castigo” per le “scorribande” passate.

Bene, caso chiuso, nessun concerto e tanta amarezza.

Improvvisa e inaspettata arriva una telefonata dai vertici Mediaset, i quali propongono di fare la diretta a qualsiasi condizione.

Sappiamo tutti cosa pensa Celentano del “proprietario” di Mediaset, eppure per amore dei suoi fans e per punire la Rai accetta.

I concerti ci saranno e tutti potremmo seguirli in tv.