MimosaGli alberi di mimosa sono in fiore ed il loro giallo spicca, quasi acceca.
É tempo di festeggiare la donna dedicandole un’intera giornata, con un’attenzione particolare rispetto ai comuni giorni.
Giunge l’8 Marzo e per quest’occasione fioccano iniziative “women oriented”, un target tutto femminile, appunto.
Firenze, Milano e Padova, come altre città d’Italia, festeggiano le loro donne aprendo i battenti della cultura, e non solo.

I Musei Civici fiorentini riservano l’ingresso gratuito alle donne: Museo di Palazzo Vecchio (orari di ingresso 09.00-19.00); Museo Stefano Bardini (11.00-17.00); Santa Maria Novella (9.00-17.30); la visita alla Torre di Arnolfo (Palazzo Vecchio, ore 10.00-17.00) e  alla Cappella Brancacci (10.00-17.00).
Per l’occasione vi sarà l’apertura straordinaria del Corridoio Vasariano di Firenze, una visita guidata, organizzata da Florencepass Tour Operator, volta alla scoperta degli autoritratti delle artiste. Nel tour “Festa delle donne 2013. Pittrici e scultrici negli autoritratti del Corridoio Vasariano” si rifletterà, partendo dai quadri, le sculture e la vita delle donne-artiste, su cosa abbia significato essere un’artista-donna nel corso della storia.
Il tour si svolgerà venerdì 8 marzo 2013, dalle 14.15 alle 17.00, e verrà ripetuto sabato 9 marzo alla stessa ora.

Dal 5 marzo è partita, presso la caffetteria della biblioteca delle Oblate, una rassegna-omaggio alle grandi lady della storia del jazz “Stazioni sonore – speciale festa della donna”, progetto del duo composto da Claudia Tellini e Nicola Vernuccio, con vari appuntamenti tra teatro, libri, musica, aperitivi a tema.
Per la festa della donna, dalle ore 18.30, è in programma uno speciale aperitivo a tema “It’s a woman’s world!”, declinato dai cuochi delle Oblate nelle mille sfumature del femminile.

Le iniziative in terra toscana non sono solo culturali, c’è spazio anche per il relax ed il benessere.
Le Terme Antica Querciolaia, a Rapolano Terme, celebrano le donne con uno speciale pacchetto benessere, al costo di 60 euro, che comprende una maschera fango corpo rassodante, una maschera viso all’argilla termale, una seduta di “Querciolaia Hammam”, biosauna e l’ingresso alle piscine termali.
La struttura di Rapolano Terme sarà aperta fino all’1 di notte.

Anche il Comune di Milano dedica una giornata alle donne, all’insegna della cultura. Le sedi civiche coinvolte sono: i Musei del Castello Sforzesco, il Museo del Novecento, il Museo di Storia naturale, il Museo archeologico ed il Museo del Risorgimento.
L’ingresso sarà scontato (da 11 euro a 9,50 euro compresa l’audio guida) per le mostre di Palazzo Reale, “Modigliani, Soutine e gli artisti maledetti. La collezione Netter”.

A Padova la Festa della Donna è ai Musei Civici (con esclusione della Cappella degli Scrovegni), dove tutte le donne potranno entrare gratuitamente.

Sono in programma a Genova varie iniziative letterarie:  dalla presentazione della nuova raccolta di racconti di Daniela Rossi, “Le Ragazzone. Vivere con stile dopo i cinquant’anni”, ad un percorso quale la “Poesia al Femminile per la Festa della Donna”, con testi di poetesse arabe di diverse nazionalità; dalla mostra fotografica, “Il Femminicidio”, presso Villa Serra di Comago, alla  visita guidata “Sante, peccatrici, eroine e pittrici presso” a Palazzo Reale (ingresso al museo comprensivo di visita guidata 4 euro(intero), 2 euro (ridotto, 18-25 anni); gratuito per i minori di 18 anni e maggiori di 65).

A Bari sono stati organizzati tanti appuntamenti, dalla poesia al teatro, dalle mostre ai laboratori, con l’unico comune denominatore di diffondere una cultura rispettosa dei diritti e capace di valorizzare le culture e le differenze. Il 7, 8 e 9 marzo saranno tre giornate di riflessione e confronto sul tema dei diritti delle donne nel mondo.

A voi tutte una buona giornata!