Mamma

Ecografia in gravidanza

L’ecografia è “un esame” che tutte le donne in gravidanza la eseguono, niente parole mamme, non fa male è indolore, poiché attraverso le onde sonore ad alta frequenza, non avvertibili dall’orecchio umano: gli ultrasuoni, possono solo riempire il cuore di gioia nel vedere in questo caso il vostro piccolo bambino, ancor prima della nascita.

 

 

Tutti gli apparecchi ecografici sono composti di un’unità centrale e da una o più unità periferiche: le sonde ecografiche. La sonda ecografia che l’ecografo appoggerà sull’addome materno, emetterà degli impulsi di ultrasuoni, che penetrando in profondità del corpo, tua mamma avrai una dolce visione.

Gli ultrasuoni cammino sulla loro traiettoria incocciano diversi tessuti: placenta, parete addominale, organi del feto, parete dell’utero, liquido amniotico, etc. Tutti i composti rinvieranno una parte di quelle onde sonore, generando, onde sonore riflesse: gli echi (onde di ritorno). Per farmi comprendere meglio; la sonda ecografica sull’addome materno imprigiona gli echi e li trasmette all’unità centrale che li converte nelle immagini inviate dal monitor dell’ecografo. Gli ultrasuoni sono adoperati nell’attività di ostetrica da oltre 40 anni e non sono mai stati effetti dannosi, per il feto o per la mamma. Per questa ragione, cara genitrice puoi stare perfettamente tranquilla, quando dovrai fare questo tipo di “analisi”.

http://youtu.be/4SSms31twskhttp://youtu.be/4SSms31twskhttp://youtu.be/4SSms31twskhttp://youtu.be/4SSms31twskhttp://youtu.be/4SSms31twskhttp://youtu.be/4SSms31twsk

In genere gli obiettivi di ogni esame ecografico in gravidanza sono di verificare l’epoca di gestazione, di identificare il numero degli embrioni o dei feti, di visualizzare l’attività cardiaca fetale, di valutare l’anatomia e la crescita fetale nel tempo e di determinare la posizione del feto, della placenta e la quantità del liquido amniotico.

Io non sono un medico, però per scrivere, tanto leggo  ed ho letto qualche giorno fa su una rivista medica, che finora ecografia ci permette di identificare dal 40 al 70% delle malformazioni maggiori, quindi voglio avvertirvi che, per rassicurarsi se vi possono essere altre anomalie più importanti, non basta sottoporsi soltanto all’ecografia, poiché situazioni gravi da quest’analisi non sono rilevate. Ma state tranquille che certamente il vostro medico di fiducia saprà le analisi giuste da fare, per far sparire dalla vostra mente tutti i dubbi e le paure che assalgono delle mamma in attesa.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *