Sessualità

Gelosia: Guida al dosaggio

La gelosia è una brutta bestia. Eppure, dosata adeguatamente, può diventare un elemento sano del rapporto. 

Un amico fotografo mi ha chiesto di partecipare ad un servizio di nudo. Ho chiesto al mio ragazzo se la cosa lo avrebbe infastidito. Risposta: «Certo che no, fa’ quello che vuoi». Il suo aplomb ha scatenato una reazione a catena tipicamente femminile, di quelle in cui mille pensieri esplodono tutti insieme e nemmeno noi sappiamo quello che vogliamo: «È fantastico che non sia possessivo, ma una minima arruffata di penne sarebbe apprezzata… però mi arrabbierei se cercasse di dissuadermi… e poi queste foto le farei comunque… allora che gliel’ho chiesto a fare?» Pura isteria interiore. Del resto, nemmeno le mie penne si arruffano facilmente: tutte le mie amiche mi hanno dato della pazza quando non ho battuto ciglio dopo che lui mi ha comunicato di essere stato a teatro con una collega appena conosciuta. 

Qui, forse, un pizzico di senso del territorio non guasterebbe. Ma esiste anche l’altra gelosia, quella che fa male. 

«Quando sono gelosa tendo a chiudermi e mostrarmi fredda» racconta Linda. «Alla fine sbotto».

«Io sono gelosa proprio caratterialmente» dice Valeria. «Tendo a non farlo vedere, ma se mi sento minacciata divento aggressiva».

«Sento una stretta allo stomaco e non riesco a pensare ad altro che a lui e l’altra insieme: cosa stanno facendo?» confessa Barbara. «Il pensiero che sguardi e gesti solo nostri siano replicabili nei confronti di un’altra donna, di un altro corpo, mi fa quasi impazzire».

«È una questione di lealtà» puntualizza Gemma. «Quando vedi una situazione che potrebbe diventare una minaccia verso quello che hai costruito scatta l’allarme».

La causa principale della gelosia “malsana” è una: la mancanza di fiducia, in se stesse o nell’altro. Due sono i possibili rimedi: 

1) Aumentate la vostra autostima cambiando prospettiva. Fidatevi della sua scelta. Se necessario, chiedete al vostro partner perché vi ha scelto e cercate di vedere ciò che vede lui. Pensate inoltre agli sforzi che fate per fargli capire che bella persona sia quando la sua autostima è bassa. Se non permettete al vostro partner di denigrare se stesso, perché vi permettete di denigrare voi stesse? 

2) Comunicate. Non c’è grassetto che possa evidenziare a sufficienza l’importanza di questo punto. Una mancanza di fiducia, il timore che lui possa effettivamente cadere in tentazione, risale solitamente ad una mancanza di comunicazione. Non lasciate che i vostri dubbi vi ribollano dentro. Se avete un’incertezza, parlatene: eviterete che diventi ingestibile.

La prossima volta che la gelosia vi assale, fate un bel respiro. È importante identificare la causa reale del vostro turbamento ed agire di conseguenza. Imparate a dosare la vostra gelosia ricordando che un pizzico dà sapore, ma il troppo stroppia. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *