Il mondo dei bambini Mamma

AAA Babysitter cercasi

Fare la mamma è un vero e proprio lavoro, ma con la frenesia del giorno d’oggi e i vari impegni, può capitare di avere ogni tanto bisogno di dover ricorrere ad un piccolo aiuto esterno. Ecco quindi che entra in gioco la figura della babysitter e, con essa, la ricerca della persona che meglio corrisponde alle nostre necessità.

Ma come trovare la babysitter perfetta?

Innanzitutto, dobbiamo trovare una persona che riteniamo affidabile e della quale sentiamo di poterci fidare. E’ consigliabile dunque, come genitore, fare un piccolo colloquio con la diretta interessata al fine di conoscersi meglio. Spesso le sensazioni che abbiamo a pelle, di primo impatto, ci dicono molto sulla persona che abbiamo di fronte, permettendoci dunque di capire il grado di affinità. In molte città esistono inoltre delle associazioni di babysitter che selezionano personalmente le candidate, garantendo dunque una certa serietà.

Durante questo primo colloquio, sarebbe importante chiedere alcune informazioni sia di tipo formale, sia di tipo più interattivo.

– Che tipo di formazione ha nell’ambito dell’infanzia? (Corsi per babysitter, corso di pronto soccorso per i bambini, colonie,…)
– Ha già avuto esperienze con dei bambini? Quante? Di che età erano gli altri bambini che ha curato in precedenza?
– Come si comporterebbe in determinate situazioni pratiche? (Che tipo di attività proporrebbe in caso di pioggia? Dove andrebbe per una passeggiata?)

E’ inoltre importante, al fine di evitare imbarazzi futuri, accordarsi sulla paga oraria. Spesso le babysitter propongono spontaneamente una cifra base, che può ovviamente cambiare in base al tipo di attività che dovrà fare col vostro bambino o a vostre particolari esigenze.

Nel caso in cui la babysitter dovrà lavorare in casa, sarebbe opportuno mostrarle l’abitazione e renderla attenta ai pericoli più frequenti.

Naturalmente anche la vostra futura babysitter vorrà sapere qualcosa sul vostro bambino. Mettetela dunque a conoscenza delle sue particolarità, del suo carattere (timido o estroverso? tranquillo o agitato?…) e anche di eventuali abitudini o proibizioni (può tenere il ciuccio? usa già il vasino?…).

Un ottima cosa da prevedere durante il primo incontro con la babysitter è quella di presentarle già il vostro bimbo, in modo che possano cominciare a conoscersi e prendere un po’ di familiarità.

Una volta scelta la vostra babysitter, arriverà il momento di doverle lasciare nelle mani il vostro pargolo. Se ne avete la possibilità, cercate per la prima volta di limitare a poche ore la vostra assenza in modo da abituare il piccolo alla presenza della nuova arrivata. Ricordatevi inoltre di lasciare i vostri recapiti per essere reperibili in caso di urgenza.

Infine, è molto importante, una volta tornati a casa, percepire le impressioni del bambino e, se il tempo lo permette, anche quelle della babysitter. E’ andato tutto bene? Si sono divertiti? E soprattutto, c’è da entrambe le parti la disponibilità per un futuro incontro?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *