primping-party

Se torniamo indietro negli anni, rispolverando i ricordi dell’infanzia, chi di noi può affermare di non aver mai provato a “giocare alle signore”? Ormai siamo donne adulte, probabilmente ci mancano tanto quei tempi, soprattutto se vediamo le nostre figlie armeggiare con i nostri trucchi e vestiti. Ebbene, per tutte le nostalgiche, ma in particolar modo per le mamme di future donnine già molto attente alla cura di se stesse, nasce il primping party, una nuova moda americana che si sta diffondendo a macchia d’olio in tutti Paesi occidentali.

Di cosa stiamo parlando? Ve lo spieghiamo subito. Un primping party non è altro che una festa a tema, nella quale le bambine possono giocare a sentirsi delle vere star del cinema! Come? Semplice, laccandosi le unghie, facendosi applicare extension e ciglia finte, incipriandosi il naso e indossando tacchi a spillo, il tutto per il piacere di farlo! Considerato l’entusiasmo americano per questa nuova moda che ha reso felici migliaia e migliaia di bambine, sono nate delle vere e proprie urban SPA nelle quali organizzare questo tipo di party. In alternativa, non sono poche le mamme che si sono arrangiate anche in casa, trasformando il salone nel camerino delle più amate attrici e cantanti del momento.

Forse alcune di voi avranno sgranato gli occhi nel leggere queste righe…tranquille! Non siete le sole! Effettivamente, di pari passo all’avanzare di questa particolare moda, sono cresciute anche le polemiche. Molte mamme si sono chieste: e le bambole? Le tazzine per il the sempre piene di cui tutti i pupazzi di casa non possono più fare a meno? E i pony rosa dalla criniera lucente? Le barbie con la villa, il camper, il marito e i figli? I giochi all’aperto? La riflessione certamente non può fermarsi solo al tipo di gioco, ma dovrebbe andare oltre fino ad arrivare al motivo per cui i bambini giocano. Da secoli e secoli, il gioco è considerato il primo fondamentale strumento di apprendimento per i piccoli.

E’ con il gioco che si impara a mangiare, a camminare, a parlare, a leggere, a conoscere le emozioni. Insomma, da che mondo è mondo, proprio il mondo lo abbiamo scoperto giocando. Sembrerà un paradosso, ma le nuove generazioni giocano molto meno durante l’infanzia e l’adolescenza, e lo fanno di più in età adulta. Cosa significa tutto questo? Ma soprattutto, da cosa deriva? Le teorie sono molteplici e di certo non è possibile generalizzare troppo. Tuttavia, per quanto riguarda le femminucce, gli esperti ci mettono difronte ad una grande verità: la mamma moderna vuole essere più amica e meno mamma, condividendo con la propria figlia momenti e interessi che, se da una parte portano la figlia a sviluppare una certa precoce maturità, dall’altra mettono la stessa nelle condizioni di non avere più quei limiti naturali che hanno sempre separato il gioco dalla vita vera. Il risultato è che passare dal divertimento all’ossessione è un attimo.

Per il momento, tutte le mamme e le figlie appassionate si godono i momenti da star, e il business dei prodotti di bellezza per teenagers sta scalzando parecchia concorrenza.

Insomma, per il prossimo compleanno di vostra figlia avete certamente un’idea in più…da adottare o da scartare! A voi la scelta!